La passione in 16 edizioni

Gen 28, 2015 by GimaSport asd

2001, la prima edizione

30 settembre: prende il via l’edizione uno della GimondiBike, la competizione internazionale di mountain bike con partenza e arrivo a Iseo.
È prevista l’iscrizione gratuita per le donne e la diretta “live” su Internet grazie alla collaborazione con la società Winning Time.
La prima iscrizione assoluta: Oreste Finazzi, un biker poco più che trentenne di Chiuduno.
Il montepremi è fissato in 15 milioni di lire che dovranno essere spartiti tra i migliori 75 atleti di più di dieci categorie; 60 premi in natura sorteggiati tra quanti si sono iscritti.
L’azienda fondata nel 1953 da Vigo Nulli lega il proprio nome alla GimondiBike, divenendone lo sponsor principale.
Tre i ristori lungo il percorso (lago d’Iseo, Castello di Passirano e Madonna del Corno) più quello finale, a Palazzo Federici.
Atleti presenti: il campione del mondo junior Julienne Absalon, Josè Hermida, ex campione del mondo e campione spagnolo in carica, il campione italiano junior Adam Quadroni, Thomas Dietsch, Nicolas Filippi, Simone Lanteri e Paolo Zanetti. Per le donne Cecile Rode, Annabella Stropparo, Veronica Sala. Gigi Scalvini e Stefano Panseri, campioni di motociclismo, il primo su strada e il secondo nella specialità più vicina alla mtb, l’enduro.
1.100 iscritti di cui 60 sono del gentil sesso .
Il biker più giovane Luca Ragozza, nato l’11 maggio 1985, e quello “con maggior numero di primavere” è il 64enne Oscar Iacoboni, classe 1937.
Primo classificato: Leonardo Zanotti, 23enne biker in forza alla Mapei Scapin che a una quindicina di km dall’avvio riprende il fuggitivo Nicolas Filippì e vince in 1:29:08; terzo classificato Luca Bramati.
Tra le donne netto successo per Annabella Stropparo del Team Racing Mabrun che con 1:43:40 domina fin dal primo metro, lasciandosi alle spalle Veronica Sala con un distacco superiore ai 7 minuti. Sul terzo gradino del podio sale Luisa Lancini, staccata di 10 minuti dalla vincitrice.

2002, la seconda edizione

29 settembre: prende il via la seconda edizione della GimondiBike, nel giorno del 60esimo compleanno di Felice Gimondi.
37 km di tracciato sviluppati su poco più di 1000 metri di dislivello.
La Croce Rossa di Iseo è presente con il servizio di assistenza medica e di soccorso a tutti i partecipanti: il giorno della gara sono disponibili 7 autoambulanze dislocate sul percorso, 8 lettini alla partenza/arrivo, 3 gruppi di soccorso, un medico rianimatore, un medico ortopedico, 20 infermieri e altrettanti volontari specializzati in soccorso e un elicottero del 118.
Viene riproposta l’Expo GimondiBike, un’area espositiva con la presenza dei principali marchi legati al mondo del ciclismo, dislocati in 3000 metri quadrati.
Al Castello di Passirano un unico punto di ristoro con tanto di Banda Musicale.
Oltre 1800 gli iscritti (100 sono donne) provenienti dall’Italia e da tutta Europa (Spagna, Svizzera, Francia, Germania, Slovenia, Austria e Lettonia), ma anche da Canada e Stati Uniti.
Atleti ospiti: Julienne Absalon, campione mondiale under 23, il compagno di squadra Josè Hermida, detentore del titolo europeo 2002 categoria elite.
Inoltre, il campione italiano elite, Martino Fruet, e gli specialisti delle granfondo Massimo De Bertolis, Marzio Deho, Daniele Bruschi, Luca Bramati, Dimitri Modesti, Alessandro Munaro, Pierluigi Battelli, Massimiliano Milan e Simone Zampatti. Tra le donne spicca la presenza della campionessa italiana Isabella Stropparo, già vincitrice lo scorso anno della edizione “numero zero” della GimondiBike, Daniela Bresciani, Monica Brunati e Cristina Dusina.
I vincitori: sul gradino più alto del podio sale Oscar Lazzaroni (1:23:55) ai danni dello specialista delle granfondo, Marzio Deho. Al terzo posto, il francese Thomas Dietsch. Il francese Julienne Absalon e l’iberico Josè Hermida, sono rispettivamente al 12esimo e 13esimo posto. Prima delle donne e al 43esimo posto assoluto, Annabella Stropparo con il tempo di 1:35:58. Alle sue spalle, con un divario di quasi 8 minuti, Elena Giacomuzzi e terza piazza per Monica Brunati.

2003, la terza edizione

28 settembre: terza edizione della GimondiBike.
Alle prime 100 donne il comitato organizzatore riserva l’iscrizione gratuita.
Nuovo sito ufficiale con moltissime novità inserite in tempo reale.
Nuovi premi per le società più numerose, 6mila euro il montepremi in denaro, 50 i premi a sorteggio individuali, 5 i premi a sorteggio per le società più numerose e per le prime 5 società con il maggior numero di classificati.
Tutti, premiati e non, ricevono un SMS con il tempo e piazzamento finale grazie.
La redazione MTB Magazine inserisce nel “Prestigio 2003” la GimondiBike.
Chi taglia per primo il traguardo della GimondiBike torna a casa con un premio davvero speciale: due bellissimi orologi scultura con quadrante in argento, eleganti, firmati e numerati in 999 esemplari. Premi in denaro per i primi dieci assoluti uomini e donne, per i primi cinque amatori uomini e le prime tre donne, e per i primi cinque di ogni categorie, per un montepremi totale di 6.000 euro.
Quattro comuni della Franciacorta attraversati dalla GimondiBike (Cazzago San Martino, Iseo, Passirano e Provaglio d’Iseo), sono “chiusi” al traffico per una giornata all’insegna del benessere fisico e mentale.
Atleti ospiti: il campione italiano Marzio Deho, Thomas Dietsch, Julien Absalon e Josè Hermida.
La novità per l’edizione 2003 è l’istituzione di una “prova speciale”: si tratta di un tracciato interamente fettucciato di 200 metri nel comune di Passirano, in fraz. Monterotondo, dopo esattamente 28 km di gara.
Dei 2.300 iscritti, 122 sono donne e 33 gli atleti stranieri in rappresentanza di 7 nazioni (Lituania, Austria, Francia, Spagna, Svizzera, Yugoslavia e Slovenia).
A via anche i centauri bresciani Mario Rinaldi e Gigi Scalvini: il primo 3 volte iridato enduro mentre Scalvini è stato protagonista nel motomondiale classe 125
Josè Hermida, vincitore di due titoli mondiali taglia il traguardo da vincitore con il tempo di 1:25’32” alla media di 26,65 km/h.
Sfortunata Monica Brunati che per ben due volte fora e lascia il gradino più alto del podio alla campionessa italiana marathon, Anna Ferrari.
Luca Bramati vince la prima “prova speciale” della GimonidBike, con il tempo di 3’21”00. Alle sue spalle Carlo Candelpergher (3’23”4) e Nicola Dalto (3’24”6) del GS Cicli Olympia. Prima delle donne Anna Ferrari con 4’01”5.

2004, la quarta edizione

Al via il 26 settembre la quarta edizione.
Nasce il “tracciato permanente” della GimondiBike: un’installazione fissa di tabelle indicatrici e segnaletica specifica per la mtb, che consente a coloro che vogliono pedalare sul percorso della nota competizione, in un giorno diverso da quello della gara, di poterlo fare in qualsiasi momento dell’anno. È pari al 90% del percorso della GimondiBike.
Per il primo uomo e la prima donna l’organizzazione ha previsto due bellissimi orologi con quadrante in argento, by Antonino Rando.
Un’altra novità è il ristoro a “zona” posto al Castello di Passirano dopo 21 km di gara: tutti i rifornimenti sono posizionati e suddivisi in singoli tavoli per una lunghezza complessiva di 20 metri.
Confermata la “prova speciale”, il tracciato fettucciato disegnato dall’iridato enduro Mario Rinaldi.
La GimondiBike è la settima e penultima prova del “Prestigio 2004” organizzato dalla rivista MTB Magazine e che racchiude le migliori competizioni di fuoristrada del panorama italiano.
Atleti ospiti: la medaglia d’oro di Atene, il francese Julienne Absalon, e l’argento iberico di Josè Hermid, Yader Zoli, Marzio Deho, Ramon Bianchi.
Tra le donne si registra l’iscrizione di Annabella Stropparo, che alla GimondiBike ricorda molto bene le vittorie nelle prime due edizioni (2001 e 2002), Anna Ferrari, Daniela e Nicoletta Bresciani e Uta Weseman.
Le iscrizioni superano quota 2.300.
Vince il bresciano Ramon Bianchi con il tempo finale di 1:26’08”. 2° il torinese Massimiliano Milan e terzo posto per Pierluigi Bettelli.
Julien Absalon, in dodicesima posizione nella classifica generale, si consola con la vittoria nella “prova speciale” con il tempo di 1’54”.
Scontata la vittoria in campo femminile di Annabella Stropparo: la campionessa italiana in carica taglia solitaria lo striscione d’arrivo con oltre 10 minuti di vantaggio su Daniela Bresciani; terza piazza per Roberta Senesi.

2005, la quinta edizione

Il 25 settembre parte la quinta edizione della GimondiBike.
La novità è l’accordo con il “Camping Il Sole” che decide di posticipare la chiusura stagionale e riservare prezzi davvero eccezionali per tutti gli iscritti alla GimondiBike.
Grazie ai 15.000 euro di montepremi, 140 biker tornano a casa con un premio.
I vincitori assoluti, il primo uomo e la prima donna, si aggiudicano due orologi scultura con quadrante in argento, firmati e numerati in 999 esemplari, opera dello scultore Antonino Rando.
Premi in denaro ai primi dieci uomini e alle prime dieci donne, ai primi cinque amatori uomini e alle prime tre donne, e ai primi cinque di ogni categoria, per un montepremi totale in denaro di 8.000 euro. Riconoscimenti anche al primo classificato straniero e al vincitore della categoria escursionisti. 50 premi a sorteggio.
2.298 iscritti.
Atleti ospiti: Julien Absalon, Josè Antonio Hermida, Ralf Naef, Martino Fruet, Leonardo Paez, Andreas Kugler, vicecampione europeo Marathon, Yader Zoli, gli azzurri Under 23 Andrea Tiberi e Simone Lanteri. Johann Pallhuber, Leonardo Zanotti, Tony Longo, Mike Felderer, Cristian Cominelli, Ramon Bianchi, Marzio Deho e Massimiliano Milan.
Risultati: Marzio Deho batte di un paio di secondi José Hermida. Leonardo Paez è il terzo classificato.
Nella categoria donne, vince Monica Brunati, che precede Daniela Bresciani e Alessia Grezzo che si deve accontentare del terzo posto.

2006, la sesta edizione

1 ottobre 2006: prende il via la sesta edizione della GimondiBike, competizione che da quest’anno rientra nell’UCI Mountain Bike Marathon Club.
Nel percorso è stata introdotta la cronoscalata del Santuario della Madonna del Corno che, con un dislivello di 187 metri e una pendenza del 28%, porterà gli atleti a quota 427 metri, tra asfalto, ciottolato e terra battuta.
Il montepremi ha raggiunto quota 17mila euro, di cui 8.360 euro in denaro e più di 8.000 euro in premi.
Record di partecipanti con oltre 2.500 scritti.
Atleti ospiti: tra gli uomini Julien Absalon,campione del mondo in carica, Thomas Dietsch, secondo alla Coppa del Mondo Marathon 2006, Josè Antonio Hermida, vincitore della GimondiBike 2003, Cristian Cominelli, quinto posto ai mondiali di MTB che si sono svolti in Nuova Zelanda, Zoli Yader, Campione italiano Cross Country 2006, Peretto Alessandro, Ramon Bianchi, Ivanov Ruslan ed il vincitore della scorsa edizione della GimondiBike, Marzio Deho. Tra le donne Annabella Stropparo e Lecner Eva.Tra i “professionisti” prenderanno il via Gilberto Simoni, terzo classificato al Giro d’Italia 2006, Nicola Loda e Salvatore Commesso.
Nella categoria maschile vittoria meritata del francese Julien Absalon. Secondo posto per Marzio Deho. Terzo classificato il sorprendente Gilberto Simoni, in maglia tricolore della specialità.
Nella categoria femminile la vincitrice è Annabella Stropparo, seguita da Michela Benzoni e da Blaza Klemencic.
Un assegno da 50.000 euro “in grande formato” è stato donato dalla G.M.Sport all’Associazione “Amici del cuore” di Torre Bordone, segno di un’importante collaborazione che dura ormai da sei anni.

2007, la settima edizione

Il 30 settembre parte da Iseo la settima edizione della GimondiBike, unica prova italiana inserita nel circuito UCI Mountain Bike Marathon Club.
I ragazzi delle scuole elementari di Cazzago San Martino partecipano al concorso “Disegna la GimondiBike” e con i loro disegni raccontano una giornata di sport e divertimento.
Montepremi record: tra premi in denaro, trofei, oggetti e servizi si raggiungono quasi le 20.000 euro, il doppio rispetto alla prima edizione .
Alla Prova Speciale in fettucciato di Monterotondo e alla Cronoscalata della Madonna del Corno di Provaglio d’Iseo, si aggiunge la Prova in linea Monte Rossa. 1.800 metri da percorrere tra i vigneti dell’azienda agricola da cui prende il nome, partendo dalla suggestiva scalinata d’ingresso.
Ai commercianti di Iseo è riservato il concorso “Le vetrine della GimondiBike”: la bicicletta e la GimondiBike sono i temi a cui devono ispirarsi per decorare nel modo più originale le vetrine dei propri negozi.
La GimondiBike coincide con la prova finale del circuito “Prestigio”, formato da altre otto gare organizzate sul territorio italiano.
Campioni ai nastri di partenza: Fredrik Kessiakoff, vincitore della prova di Coppa del Mondo 2007 a Maribor, Thomas Dietsch, campione di Coppa del Mondo Marathon 2007, Stephan Tempier e Emil Lindgren del team Gewiss-Bianchi. Tra gli italiani, il professionista Gilberto Simoni, Marzio Deho, vincitore dell’edizione 2005, Yader Zoli, campione italiano cross country, Martino Fruet, Mirko Pirazzoli, Tony Longo, Johann Pallhuber, Johnny Cattaneo e la giovane promessa Cristian Cominelli. Nel settore femminile, Pia Sundstedt, vincitrice della Coppa del Mondo Marathon 2007, Annabella Stropparo, Blaza Klemencic, Elena Gaddoni e Nina Homovec.
Dei 2.500 iscritti, ha la meglio lo svedese Fredrik Kessiakoff s’aggiudica la sesta edizione della GimondiBike, davanti a Johnny Cattaneo e Tony Longo. Tra le donne la regina è Blaza Klemencic, seguita dalla svizzera Petra Henzi e da Michela Benzoni.

2008, l’ottava edizione

L’ 8° edizione della GimondiBike prende il via domenica 28 settembre da Iseo.
Introdotto l’innovativo Chip TDS attivo che garantisce una precisione maggiore nelle rilevazioni ed una migliore gestione dell’intera competizione.
Aumenta il montepremi messo in palio dal Comitato Organizzatore: ben 21.000 euro tra premi in denaro, trofei, oggetti e servizi.
Per la prima volta vengono assegnati 10 premi individuali a sorteggio agli atleti appartenenti alla categoria Cicloturisti / Escursionisti.
14 le bandiere riprodotte sulla maglia ufficiale della GimondiBike: sono gli emblemi delle nazioni che, nel corso degli anni, hanno partecipato a questa competizione.
Viene riproposta l’iniziativa “L’Altra GimondiBike” destinata alle immagini che immortalano la T-shirt ufficiale in giro per il mondo.
07:08:80: è questo il record stabilito da Julien Absalon nel 2006 che i biker devono tentare di battere nella prova speciale della Cronoscalata della Madonna del Corno.
40.000 i pieghevoli in italiano con i moduli di iscrizione distribuiti sui principali campi di gara della stagione. 10.000 quelli in francese, tedesco ed inglese.
Ai totem con gigantografie (3 x 2 m) e agli striscioni colorati, si aggiunge un’altra novità: il mega-cartellone pubblicitario ben visibile dall’autostrada A4 direzione Milano, nei pressi di Seriate.
Tre le uscite a colori programmate (31 agosto, 6 e 9 settembre) su “La Gazzetta dello Sport”. In ambito locale, la scelta cade sul “Giornale di Brescia”, con otto uscite nel mese della gara.
Tra i numerosi campioni al via, Johnny Cattaneo, Ramon Bianchi, Marzio Deho, Gilberto Simoni, Johann Pallhuber, Pierluigi Bettelli, Ivan Alvarez Gutierrez, Elena Gaddoni, Anna Ferrari, Michela Benzoni, Alessia Grezzo, Sandra Klomp, Anna Zugno, Blaza Klemencic, Alexey Medvedev, Emil Lindgren, Andreas Kugler, Jürg Graf, Kashi Leuchs, Mirko Pirazzoli, Andrea Tiberi, Mirko Celestino e Mike Felderer, neo Campione Italiano Marathon. Il team Gewiss-Bianchi non manca a questo importante appuntamento e schiera Thomas Dietsch, Leonardo Paez, Julio Caro, Cristian Cominelli e Stephane Tempier.
Alexey Medvedev stabilisce il nuovo primato della Cronoscalata della Madonna del Corno con il tempo di 06:43.
Per quanto concerne la gara maschile, primo posto per Marzio Deho, seguito da Ramon Bianchi e Alexey Medvedev.
Blaza Klemencic, Michela Benzoni, Elena Gaddoni: il podio femminile.

2009, la nona edizione

Domenica 27 settembre 2009: è questo il giorno scelto per la nona edizione della GimondiBike.
Il leit motiv di quest’anno è: “Riprenditi il tuo tempo”. Contro lo stress di una vita frenetica, non c’è niente di meglio che rilassarsi e dedicarsi a qualcosa di veramente piacevole come una bella pedalata con gli amici.
Viene modificato il tracciato di gara con l’eliminazione della prova speciale di Monterotondo, il tratto cronometrato introdotto per la prima volta nel 2003.
È confermato il montepremi del 2008: 21.000 euro tra premi in denaro, trofei, oggetti e servizi.
In occasione della GimondiBike viene allestita un’area riservata a tutti gli scolari delle scuole elementari del Comune di Cazzago San Martino (Brescia) che, oltre a prendere spunti per le loro creazioni che parteciperanno al concorso “Disegna la GimondiBike”.
Il Comitato Organizzatore stringe un patto di collaborazione con Legambiente al fine di ripulire il percorso da borracce, involucri di barrette e gel energizzanti e non solo. L’accordo prevede che, una volta partiti i partecipanti, i volontari delle sezioni locali di Legambiente Franciacorta (Castegnato), Legambiente Basso Sebino (Iseo) e Legambiente Circolo Ilaria Alpi (Erbusco) passino a raccogliere quanto lasciato sul tracciato di gara, armati di guanti, sacchi dell’immondizia e attrezzi ad hoc.
Come sempre la sicurezza è uno dei punti saldi dell’evento bresciano: oltre a cinque assistenze meccaniche fisse, sono impiegati 140 uomini delle sezioni locali della Protezione civile, 52 tra medici e soccorritori della Croce Rossa Italiana, 6 ambulanze, 1 auto medicalizzata e 1 fuoristrada. Inoltre, il supporto agli atleti è garantito anche dal servizio Infopoint, il punto d’informazione attivo la giornata di gara dalle ore 10.00 alle ore 16.00.
Sono presenti al via atleti prestigiosi del calibro di Gerhard Kerschbaumer, Cristian Cominelli e Eva Lechner, reduci del mondiale di Canberra, Mirko Celestino, detentore del titolo italiano Marathon, Marzio Deho, Ramon Bianchi, il russo Alexey Medvedev, il colombiano Leonardo Paez con i suoi compagni di squadra Andrea Tiberi e Julio Caro. In campo femminile, oltre all’altoatesina Lechner, in gara anche Daniela Bresciani, Elena Gaddoni e Sandra Klomp.
Il russo Alezey Medvedev stabilisce il nuovo record della Cronoscalata Madonna del Corno: 6 minuti e 35 secondi.
Marzio Deho e Eva Lechner: sono loro i veri mattatori della GimondiBike. Oltre a scrivere i propri nomi nell’albo d’oro della manifestazione, infatti, battono i primati delle precedenti edizioni e fermano il cronometro rispettivamente a 1 h 19’ 49” e 1 h 33’ 08”. Il podio maschile è completato da Alexey Medvedev, secondo in 1 h 20’ 00”, e da Pierluigi Bettelli (1 h 20’ 05”).
Tra le donne festeggiano il successo della Lechner, Giacomuzzi, seconda in 1 h 37’ 27”, e Gaddoni (1 h 39’ 22”) che conferma così il terzo posto dell’anno precedente.

2010, la decima edizione

“Tutti in sella, per sport e passione”: è questo il leit motiv che accompagna la decima edizione della GimondiBike, in programma domenica 26 settembre.
Tra premi in denaro, trofei, oggetti e servizi, il montepremi è di ben 21.000 euro. Dagli Elite agli Under 23, dagli Junior ai Master, sono più di 80 gli atleti che ricevono premi in denaro, senza dimenticare i 10 fortunati che, appartenenti al gruppo Cicloturisti/Escursionisti, prendono parte alla spartizione di orologi, navigatori e non solo.
50 i premi a sorteggio, mentre le prime 5 società con il maggior numero di atleti (con iscrizione cumulativa) vengono premiate con l’esclusivo trofeo GimondiBike 2010.
È online la nuova versione del sito ufficiale della GimondiBike: digitando GimondiBike.it è possibile conoscere nei dettagli la decima edizione, presentata in una veste più moderna ed accattivante.
“Contadi Castaldi” è il nome della nuova prova speciale. Allestita in località San Michele (Loc. Provezze), è caratterizzata da una terrazza naturale completamente sterrata e prevede un tracciato di 2.240 m che, dopo essere passato nei pressi della bellissima Villa Soncini, attraversa i suggestivi vigneti dell’azienda Contadi Castaldi.
Grazie alle nuove misurazioni del tracciato di gara si scopre che per concludere la GimondiBike è necessario percorrere 39,7 km, affrontando un dislivello pari a 1.000 m.
Opera di riqualificazione del tratto di discesa che conduce alla località Badino (Provezze), dal chilometro 9,5 al chilometro 11,9. I lavori prevedono la modifica dei 300 metri iniziali della discesa, con il recupero della vecchia strada vicinale e il ripristino della carreggiata.
Nella prima griglia troviamo lo spagnolo José Hermida, neo Campione del mondo cross country, il ligure Mirko Celestino, Vice campione del mondo Marathon 2010, l’altoatesino Gerhard Kerschbaumer, nel cui palmares spicca il titolo di Campione del mondo Under 23 conquistato nel 2009, ed il bresciano Cristian Cominelli, Campione italiano Under23 ciclocross in carica.
9 le nazione rappresentate quest’anno: Argentina, Austria, Colombia, Estonia, Italia, Portogallo, Russia, Spagna e Svizzera.
1.600 i biker al via, con un incremento del numero degli iscritti pari al 7% rispetto all’edizione 2009, nonostante ben 12 gare concomitanti. Con loro anche i 37 Fedelissimi.
Oltre a cinque assistenze meccaniche fisse, sono impiegati 140 uomini delle sezioni locali della Protezione civile, 52 tra medici e soccorritori della Croce Rossa Italiana, 6 ambulanze, 1 auto medicalizzata e 1 fuoristrada.
Marzio Deho si aggiudica la GimondiBike per la quarta volta (2005, 2008, 2009 e 2010) coprendo i 39,7 km del percorso in 1:27:55. Secondo posto per il francese Stephan Tempier in 1:27:55, mentre Pierluigi Bettelli si deve accontentare del terzo posto (1:28:21).
Tra le donne Michela Benzoni conduce la gara fin dall’inizio. La cavalcata in solitaria dell’atleta bergamasca si conclude a Iseo in 1:48:01. Sul podio con lei Sandra Klomp, al traguardo in 1:50:57, e Roberta Gasparini, capace di recuperare posizioni su posizioni nel finale e festeggiare il terzo posto grazie al tempo di 1:52:34.

2011, l’undicesima edizione

Bikers d’Italia unitevi! Alla GimondiBike per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia. La gara prevede anche il passaggio a pochi metri dalla statua di Garibaldi situata nell’omonima piazza ad Iseo.
Anche per il 2011 è rimasta invariata la quota d’iscrizione di 28 euro.
Percorso sempreverde alla GimondiBike. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso di proclamare il 2011 “Anno internazionale delle foreste”. Una scelta condivisa dagli organizzatori della GimondiBike che si sono adoperati per la pulizia dei boschi e il ripristino e la messa in sicurezza dei sentieri attraversati dalla gara anche per lanciare il messaggio di imparare a rispettare la natura.
Torna la prova speciale Contadi Castaldi. Dopo il successo della prima edizione, confermata anche nel 2011 la prova speciale di 2.240 metri tra i vigneti della nota azienda franciacortina.
In occasione dell’undicesima edizione della GimondiBike nasce il Gran Premio Simes abbinato alla Cronoscalata della Madonna del Corno.
Sono ben 41 i bikers cosiddetti “Fedelissimi” della GimondiBike, ovvero coloro che non si sono lasciati scappare nemmeno un’edizione.
Il 24 settembre ben 140 mini bikers hanno preso parte alla prima edizione della GimondiBike Baby.
Tony Longo atleta del team TX Active Bianchi, la squadra proprio presieduta da Felice Gimondi ha vinto l’undicesima edizione della GimondiBike con il tempo di 1h 23’ 54” lasciandosi alle spalle Marzio Deho e Rendon Rios.
Tra le donne dominio della Campionessa Italiana Cross Country Under 23 Serena Calvetti (Lissone MTB A.S.D.) che ha percorso i 39,7 km di gara in 1h 42’ 35”. Dietro di lei, Roberta Gasparini e Michela Benzoni.

2012, la dodicesima edizione

Iscrizioni dal 1° marzo e la quota di adesione rimane invariata, la grande novità è l’iscrizione “Full” che con un piccolo sovrapprezzo consente il ritiro del pacco gara la domenica mattina.
I biker che vantano la partecipazione a tutte le edizioni della GimondiBike sono ben 41, per i nostri “Fedelissimi” un posto d’onore nella prima griglia di partenza.
Confermato il concorso artistico “Disegna la GimondiBike” che coinvolge le scuole primarie dei Comuni interessati dal passaggio della gara.
Davvero ricco il montepremi: premi in denaro per i migliori agonisti classificati, premi in natura per i migliori classificati delle categorie amatoriali, più di 60 premi a sorteggio e altri premi per i migliori tempi del Gran Premio Simes Cronoscalata Madonna del Corno e della Prova Speciale Contadi Castaldi.
Grandi festeggiamenti alla GimondiBike in occasione del 70° compleanno del campione Felice Gimondi, un altro importante traguardo celebrato in compagnia di tanti appassionati in sella.
Giunge alla terza edizione la Prova Speciale Contadi Castaldi: allestita in località San Michele (Loc. Provezze), vanta un tracciato di 2.240 metri che costeggia la meravigliosa Villa Soncini e attraversa i vigneti dell’azienda Contadi Castaldi.
La GimondiBike Baby, programmata per sabato pomeriggio, viene annullata a causa del maltempo.
Alla dodicesima edizione pronti al Via ben 1.300 iscritti, tra loro anche grandi campioni della MTB.
Il podio maschile viene conquistato da Juri Ragnoli, in piena forma per il mondiale, seguito da Stephan Tempier e Michiele Casagrande. Tra le donne primeggia Sandra Klomp seguita da Elena Gaddoni e Roberta Gasparini.

2013, la tredicesima edizione

GimondiBike 2013: pronti, partenza, Via! Lunedì 4 marzo si aprono ufficialmente le iscrizioni alla 13ª edizione in programma domenica 29 settembre.
Nuova location per la GimondiBike 2013. Cuore nevralgico della gara internazionale di MTB diventerà il meraviglioso centro cittadino di Iseo che ospiterà l’area di partenza e arrivo, nonché il quartier generale e l’ExpoGimondiBike.
Novità per il 2013: il pacco e il numero gara si potranno ritirare anche la domenica mattina.
Disegna la GimondiBike: premiati gli oltre 200 alunni della Scuola Primaria di Cazzago S. Martino che con i loro disegni sono stati protagonisti del concorso indetto dal Comitato Organizzatore. Tutti premiati con gadget ed una bicicletta Bianchi.
Sinergia tra Assessorato alla Cultura e al Turismo della Provincia di Brescia e Comitato Organizzatore per organizzare al meglio ospitalità e accoglienza delle migliaia di appassionati che a settembre arriveranno in Franciacorta per la GimondiBike.
La linea grafica dell’edizione 2013 della GimondiBike ha come colore predominante il giallo. Omaggio al Centenario del Tour de France che cade quest’anno. Felice Gimondi, vincitore della Grande Boucle nel 1965, sarà a Parigi per la grande festa finale che radunerà tutti i vincitori.
La GimondiBike sempre più “social”. Rafforzata la presenza sui social network Facebook e Instagram con tante novità e curiosità. Sulla pagina Facebook ufficiale anche il sondaggio per scegliere la t-shirt ufficiale della GimondiBike 2013.
La GimondiBike 2013 apre le porte agli artisti bresciani: quest’anno espone le sue opere pittoriche l’apprezzato artista Brescianini da Rovato.
GimondiBike lancia a Iseo la “Yellow Bike Parade”: undici biciclette gialle colorano il centro cittadino di Iseo: un’iniziativa per celebrare il Centenario del Tour de France e per ricordare i grandi trionfi della carriera del campione Felice Gimondi. Tutto nel segno della solidarietà.
Oltre alla gara internazionale MTB davvero molto ricco il programma di eventi collaterali che riempiranno l’intero weekend anche per chi accompagnerà i partecipanti.
L’iridato XCO Gerhard Kerschbaumer e il campione italiano Marathon Tony Longo lanciano la sfida a pochi giorni dalla GimondiBike.
L’antipasto con la GimondiBike Baby e il Party in Graziella nel centro di Iseo.
GimondiBike 2013: tanto pubblico e circa 1.400 atleti al via. Il campione colombiano Leonardo Paez e la tricolore Elena Gaddoni trionfano a Iseo.

2014, la quattordicesima edizione

La GimondiBike torna il 28 settembre 2014 a Iseo: dal 3 marzo aperte ufficialmente le iscrizioni.
Concorso “Disegna la GimondiBike”: premiati oltre 200 alunni delle scuole di Cazzago S. Martino. Gadget ed una bicicletta Bianchi per i bambini.
Pacco gara e il numero gara della 14ª edizione della GimondiBike si potranno ritirare anche la domenica mattina.
L’Evento Internazionale ancora al fianco degli artisti bresciani. Quest’anno, durante l’evento, espone le sue opere pittoriche l’apprezzato artista Alberto Cropelli.
Sulla pagina Facebook il sondaggio per scegliere la T-shirt ufficiale della manifestazione.
Torna il GP Simes sulla Cronoscata della Madonna del Corno, uno dei tratti caratteristici e fondamentali del tracciato e che regalerà una sfida nella sfida.
Iseo tra i borghi più felici d’Italia. La GimondiBike un’occasione unica per scoprirlo.
Passaggi dal Castello di Bornato e a Calino, le novità del tracciato 2014. Per i biker nuovi spunti culturali e paesaggistici.
Si pedala ancora per il “Prestigio”, la nota challenge promossa dalla rivista MTB Magazine.
Tolti i veli alla GimondiBike 2014: giovedì 18 settembre la Tenuta Beloardo a Iseo ha ospitato la conferenza stampa di presentazione della 14ª edizione della prestigiosa gara internazionale MTB.
Sono 27 i “Fedelissimi” che non hanno mai perso un’edizione della gara franciacortina.
Auguri di buon compleanno Felice Gimondi! Domenica 28 settembre chi sarà presente a Iseo (BS) avrà anche l’occasione di festeggiare il 72° compleanno del nostro campione.
Oltre 1.400 biker e tanti campioni al via.
Sabato 27 settembre si parte: GimondiBike Baby, Party in Graziella e l’esibizione di Bike Trial.
Il colombiano Leonardo Paez stabilisce il nuovo record della Cronoscalata Madonna del Corno GF Simes: 6 minuti e 29 secondi.

2015, la quindicesima edizione

“… Un vortice che ti prende e che ti porta AL VIA!” È questo il nuovo slogan scelto dal Comitato Organizzatore per lanciare l’edizione numero 15 della GimondiBike, in programma a Iseo il 27 settembre 2015.
2 febbraio 2015: aperte le iscrizioni alla GimondiBike numero 15. Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati biker, per pedalare insieme al campione Felice Gimondi.
La GimondiBike 2015 pulserà ancora nel cuore di Iseo. Per il terzo anno consecutivo il centro della cittadina lacustre si veste a festa per ospitare la gara internazionale MTB.
GimondiBike: Il pacco e il numero gara dell’edizione 2015 si potranno ritirare anche la domenica mattina
Disegna la GimondiBike”: festa per oltre 200 alunni della Scuola Primaria di Cazzago S. Martino che hanno partecipato con i loro disegni al concorso a tema indetto dal Comitato Organizzatore che li ha voluti premiare con gadget ed una bicicletta Bianchi.
GimondiBike 2015: sulla pagina Facebook il sondaggio per scegliere la T-shirt ufficiale dell’evento.
GimondiBike ancora al fianco degli artisti bresciani: il 27 settembre spazio alle opere fotografiche di Giuliano Radici
Anche la GimondiBike celebra i 50 anni della vittoria di Gimondi al Tour de France con una particolare opera composta da una serie di curiose installazioni che ripercorrono, giorno per giorno, l’impresa storica e i sentimenti di Gimondi alla Grande Boucle del 1965.
Presentata la GimondiBike 2015: alla conferenza stampa indetta dalla Gimasport di Beppe Manenti e dalla famiglia Nulli hanno partecipato numerosi tra amici, sponsor, giornalisti, appassionati e addetti ai lavori.
14 anni senza perdere una pedalata, sono 26 “Fedelissimi” della GimondiBike 2015, vale a dire coloro che hanno tagliato il traguardo di tutte e quattordici le precedenti edizioni della prestigiosa gara internazionale MTB di Iseo.
Domenica 27 settembre, chi sarà presente alla GimondiBike di Iseo, avrà anche l’occasione di festeggiare insieme a tutti noi il 73° compleanno del campione Felice Gimondi.
Oltre 1.500 biker agonisti e tanti campioni pronti ad invadere Iseo per la GimondiBike Internazionale 2015.
La vigilia si scalda con la GimondiBike Baby, il Party in Graziella e l’esibizione di Bike Trial.
GimondiBike 2015: il campione italiano Marathon Samuele Porro e la campionessa austriaca Christina Kollmann brindano ad Iseo.

2016, la sedicesima edizione della Gimondibike

GimondiBike Internazionale 2016: il 1° febbraio aprono le iscrizioni per assicurarsi un posto in griglia alla gara internazionale MTB in programma domenica 25 settembre a Iseo
In quindici edizioni della GimondiBike sono stati 26.837 i ciclisti che hanno preso parte alla gara. La forza è nei numeri!
GimondiBike e centro storico di Iseo: binomio vincente! Per il quarto anno consecutivo la prestigiosa gara MTB Internazionale tornerà ad avere il proprio centro nevralgico nel cuore della cittadina di Iseo.
Suggestiva la linea grafica ideata per l’edizione numero 16 della GimondiBike. Rappresentazione artistica con un vaso di vetro e altri elementi che rimandano allo slogan prescelto: “un evento genuino, senza aggiunta di coloranti!”
Concorso “Disegna la GimondiBike”: premiati oltre 200 alunni della Scuola Primaria di Cazzago S. Martino
La GimondiBike 2016 pedala con l’arte di Giulio Mottinelli. Continua l’iniziativa volta a valorizzare arte, territorio e sport.
GimondiBike 2016: sulla pagina Facebook si vota per scegliere la T-shirt ufficiale dell’evento.
Da ‘The Floating Piers’ alla GimondiBike, Iseo ritorna sulla scena internazionale. Dopo l’evento artistico mondiale, con la passerella galleggiante di Christo, è la manifestazione sportiva del 25 settembre a richiamare in Franciacorta centinaia di appassionati e sportivi da tutto il mondo.
Nino Nulli: “La GimondiBike è una passione contagiosa”. Main Sponsor da 16 anni con il Gruppo Nulli, ma soprattutto appassionato e amico della GimondiBike. Nino Nulli si racconta.
Sono 25 i biker “Fedelissimi” che hanno tagliato il traguardo di tutte e quindici le precedenti edizioni della prestigiosa gara internazionale MTB di Iseo e che saranno al via anche domenica 25 settembre.
La carica dei 1.500 alla GimondiBike. La vigilia si scalda con la gara Baby e il Party in Graziella e altre iniziative
GimondiBike 2016: Stephan Tempier e Katazina Sosna entrano nell’albo d’oro. Entrambi hanno tagliato in solitaria il traguardo.
Pagine