Ad ogni edizione della GimondiBike Internazionale ci poniamo l’obbiettivo di dare spazio ad aspetti che, seppur lontani dall’attività sportiva, sono comunque parte integrante della nostra società e del territorio a cui siamo profondamente legati . Arte e sport pedalano insieme per un giorno, aspetti diversi ma complementari della stessa storia, la nostra.

Dopo Franco Brescianini, Alberto Cropelli, Giuliano Radici, Giulio Mottinelli, Gianni Gueggia e Enzo Archetti quale sarà, per l’edizione 2019, la scelta del Comitato Organizzatore?

2013 FRANCO BRESCIANINI 
Franco Brescianini nasce a Rovato, in provincia di Brescia, il 18 settembre 1944, dove vive e lavora ancora oggi.
Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private italiane e straniere. Dal 1975 è in permanenza nel museo civico di Pizzighettone (Cremona), nel museo Usellini Arona (Novara), nella Pinacoteca d’Arte Moderna di Santhià e nel Museo di Strasburgo.
FrancoBrescianini

2014 ALBERTO CROPELLI
Alberto Cropelli nasce a Chiari, in provincia di Brescia nel 1948, dove vive e lavora ancor oggi.
Artista autodidatta, dalla fine degli anni ’60 partecipa a concorsi artistici, rassegne nazionali e internazionali e allestisce molte mostre personali. Tra le numerose collettive vanno citate il ‘Salon D’Automne’ di Parigi del 1987, il ‘Festival International’ di Osaka dello stesso anno. Nel 1988 espone a ‘Art 88’ all’Espace Delpha di Parigi, e a Maglione, in provincia di Torino, al Museo d’Arte Contemporanea all’aperto. L’anno seguente é presente al ‘XXXIII Salon Internatlonal d’Arts Plastiques’ di Bèziérs. Numerose sono anche le mostre personali allestite in gallerie e istituzioni italiane ed estere.
AlbertoCropelli

2015 GIULIANO RADICI
Giuliano Radici nasce a Brescia il 10 agosto 1957, dove vive e lavora ancora oggi. Fotografo per professione racconta con la fotografia le sue esperienze di viaggio tracciando un fantasioso percorso visivo passando da immagini per la moda, la pubblicità e il reportage con indiscussa forza espressiva. Diversi portfolio pubblicati su riviste come “Zoom International”, “Gente di Fotografia”, “Private” e vari redazionali di moda lo hanno fatto conoscere al grande pubblico. Sue fotografie fanno parte di varie collezioni pubbliche e private tra cui il MAM museo di arte moderna di Rio de Janeiro e il museo “Fotokunst” in Danimarca.
GiulianoRadici

2016 GIULIO MOTTINELLI
Giulio Mottinelli nato a Garda, in alta Valcamonica, nel 1943. All’età di14 anni entra nello studio fotografico dello zio Pietro e si specializza nella fotografia. Si cimenta però anche con le tele e i colori. Come autodidatta, percorre la strada della cinematografia realizzando una decina di documentari e almeno tre film a soggetto. Nel 1965 allestisce la sua prima mostra personale. Allestisce delle Personali e Collettive in decine di città italiane. Espone anche fuori dai confini nazionali. In questo ultimo trentennio ha riscoperto la sua terra di origine, la Valle Camonica, e le sue opere ora rappresentano, in ogni stagione, gli angoli più caratteristici composti dai boschi, dalle baite, dai panorami, dagli animali, dai prati e dai cieli.

2017 GIANNI GUEGGIA
Gianni Gueggia è nato a Trenzano (Bs) nel1956. Ha iniziato ad esporre le sue opere dal 1973; ha poi partecipato a numerose rassegne e concorsi nazionali e internazionali, ottenendo lusinghieri consensi di critica e premi significativi, tra cui il Premio Agazzi a Strasburgo. Da ricordare alcune tra le sue numerose mostre personali e collettive: Galleria “Casa Varesina d’Arte” (Va); Galleria “Doge” (Vi); Galleria “Ada” (Bg); Galleria “Ariete” (Casale Monferrato); Galleria d’Arte Moderna (Ra); Palazzo Barberini (Roma); Galleria Moretto (Bs); Gallerie “Arpege” (Sarregnemines, Francia); Galerie “Perspectìve Contrast” (Metz, Francia); Bad Kohlgrub Haus der Kuhrgaste (Wandelhalle, Germania); R & Welch Gallery (Seattle, Usa).
«Le opere abbracciano diversi temi anche se la grande maggioranza di essi ha un comune denominatore: la vita e l’esistenza nella sua dimensione quotidiana.

2018 ENZO ARCHETTI
Enzo Archetti è nato a Monticelli Brusati (Bs) nel 1946. Ha iniziato a interessarsi all’arte durante gli anni della Scuola Superiore e dopo il diploma magistrale ha proseguito la formazione culturale laureandosi in Lettere Moderne. Nello stesso periodo, e senza interrompere gli studi universitari, ha frequentato per due anni all’Accademia Carrara di Bergamo i corsi di disegno e acquaforte, sotto la direzione di Trento Longaretti. Nel 1973 entra nel panorama artistico con la prima mostra a Brescia. Negli anni novanta si concretizza quello che sarà il suo linguaggio artistico determinato dalla fusione di materiali diversi, come tele garze tappeti corde lastre di ferro arrugginito, con elementi figurativi. Nel 2004 espone alle Accademie Libanaise di Beirut e nello stesso anno una sua opera entra nella collezione del Modern Art Museum di Kuwait City. Nel 2006 pubblica con l’editore Serra Tarantola un libro d’artista “Frammenti d’infinto”: è un racconto illustrato con 44 lavori pittorici che si sviluppa come un grande quadro di oltre 100 pagine in cui Archetti cerca di decifrare l’Infinito. Dal 2009 iniziano rapporti di collaborazione con Gallerie in Germania. Nel 2011 tiene una mostra personale nel Castello East Gallery di Pechino.
EnzoArchetti